menù



Sponsor

domenica 8 settembre 2013

Velletri teatro festival, un successo per tutte le età

Redazione

Un'estate così "teatrale" non si vedeva da tempo nella nostra Velletri. Con un programma di 30 serate, seminari, stage e laboratori il "Velletri Teatro Festival" ha aperto i battenti il 7 agosto e li ha lasciati aperti fino al 15 settembre, offrendo al pubblico intervenuto una vasta gamma di scelte. I laboratori di arti sceniche sono stati curati da vari operatori culturali della città: Sabrina Barzilai e Luigi Onorato per quello dei bambini, Carla Petrella per quello over fifty, Alter Arti con Lorenzo Cannarutto, Professional Drum School con Maurizio Bravi, Studi shakespeariani e di Eduardo De Filippo sempre con Luigi Onorato e "I passi della tradizione" con Francesca Trenta. Si è passati dalla commedia al western, dalla poesia alla prosa, dalla musica alla danza. In "I Givemore" di Lorenzo Cannarutto il western ha spadroneggiato: la trama racconta di Marilyn Givemore alla ricerca del marito Alan con sua figlia Dorothy, mentre nello sperduto paesino di Eastwood arriva il progresso con tre fantomatici. Risate a scena aperta con "Pensione Cincillà" di Carla Petrella, storia di una pensione tutta al femminile, nella quale durante una notte di tempesta, scompare il giardiniere Ortensio. La polizia, avvertita da una denuncia anonima, avvia le indagini e alla fine si ritroverà lo scomparso. Tutti i mercoledì c'è stata invece la giornata dedicata alla poesia, con Carla Petrella e Luigi Onorato a recitare in "Poesia a doppia pista" i versi di poeti noti e meno noti (William Shakespeare, Margaret Atwood, Tony Harrison, Gaspara Stampa, Li Po, Giovan Battista Marino e altri). Al di là dell'aspetto più puramente letterario, è importante che la cultura si sia ritrovata in primo piano nel suggestivo ambiente della Villa Ginnetti a Velletri. Ragazzi, giovani e meno giovani hanno potuto mettere in luce il loro talento portando le famiglie a teatro e vivendo culturalmente la città. Iniziative come il Velletri Teatro Festival vanno incentivate, ripetute e arricchite, affinchè la partecipazione di pubblico sia sempre maggiore e il prodotto di qualità sempre migliore.